Populisti vs liberal. Da Salvini a Marion Le Pen: come cambia la comunicazione

Prima demonizzata, bollata come lessico nazista, fascista, in una parola, il male assoluto. Al massimo, fino a qualche tempo fa, la comunicazione populista, veniva tollerata come reazione, protesta, provocazione, infantilismo, cattivismo, tanto il politicamente e culturalmente corretto, ossia il pensiero unico, avrebbe sempre prevalso. Inutile ricordare che secondo le categorie della scienza politica, populismo vuol […]

Continua a leggere