Def, parla Rizzo (PC): “I comunisti cambieranno l’Europa iniqua”

Il Consiglio dei Ministri ha approvato il Def (Documento di Economia e Finanza), ma il giudizio è agli antipodi fra maggioranza, opposizione e sindacati. Il premier Giuseppe Conte tranquillizza tutti escludendo manovre aggiuntive, aumenti dell’Iva e patrimoniali. Matteo Salvini insiste con la flat tax e il ministro dell’Economia Tria ribatte che è impossibile trovare le […]

Continua a leggere

Def, parla l’economista Sapelli: “La direzione è giusta. Cosa manca per la crescita”

Il Consiglio dei Ministri ha approvato il Def (Documento di Economia e Finanza), lo strumento con il quale il governo punta a tenere sotto controllo i conti pubblici stimolando nel contempo la crescita. Per le opposizioni il Def confermerebbe i fallimenti dell’Esecutivo con le stime di crescita allo 0,2%. Nella maggioranza continuano le fibrillazioni fra […]

Continua a leggere

Salvini-Di Maio. La guerra sulle risorse e la strana virata di Savona

Dietro i sorrisi rassicuranti ostentati nella conferenza-stampa che ha annunciato al popolo “la manovra del popolo”, il tanto sospirato Def, in realtà si nascondeva un dramma. Una forte tensione che, nemmeno la comunicazione afona e serena del premier Conte, quella solare di Salvini (“questa bella manovra” non è una definizione politica), e quella moderata di […]

Continua a leggere

Manovra, le parole chiave: disavanzo, Iva, reddito, pressione fiscale

Il sottosegretario leghista alle Infrastrutture, Armando Siri, in un’intervista al Corriere della Sera, ha chiarito la Manovra usando poche parole chiave e chiare. “Abbiamo evitato di mettere a deficit la sterilizzazione dell’Iva con la clausola di salvaguardia, che è quasi una scrittura farlocca”, è il primo concetto che salta agli occhi.  E ancora: “Noi abbiamo […]

Continua a leggere

Manovra, parla Blondet: “Alzare il deficit serve a poco. L’illusione dei sovranisti”

Di Maio e Salvini hanno vinto il braccio di ferro nel governo con il ministro dell’Economia Giovanni Tria e hanno imposto nella manovra un deficit al 2,4% per poter realizzare il contratto. Il titolare dell’Economia alla fine ha scelto di non dimettersi consigliato dal Presidente della Repubblica. Dall’Europa è stata manifestata irritazione per aver visto […]

Continua a leggere