Josepha, parla Meluzzi: “Ma quali aspetti psicologici. Lo smalto, un diversivo mediatico”

Interviste

Divampa la polemica su Josepha, la naufraga che dopo essere stata oltre 48 ore in mare è stata salvata dalla Open Arms. La controversia riguarda quella che è stata definita una fake news, ovvero la foto che la ritrae con lo smalto sulle unghie. Come può una che è stata 48 ore in mare avere le unghie smaltate e i braccialetti intorno alla mano? E’ forse un’attrice, o la protagonista di una specie di fiction ben orchestrata per richiamare l’opinione pubblica ad una maggiore umanità? Una giornalista svela l’arcano, spiegando che lo smalto alle unghie lo hanno messo le operatrici a bordo della nave Ong per sollevarla psicologicamente, rasserenarla e farla parlare. Ma può bastare uno smalto sulle unghie per far dimenticare ad una donna che ha visto la morte in faccia e che è rimasta in balia delle onde per 48 ore la tragedia che ha vissuto? Lo Speciale ne ha parlato con lo psichiatra Alessandro Meluzzi. 

LEGGI SU LO SPECIALE IL CASO JOSEPHA

Lo smalto sulle unghie di Josepha è diventata la notizia del giorno. Tutti scandalizzati per quella che è stata definita una fake news. Da psicologo cosa pensa di chi dice che lo smalto è servito a bordo della nave per sollevarla psicologicamente?

“Guardi, io ricondurrei tutta la discussione ad un qualcosa di più serio. Francamente mi sembra del tutto banale stabilire se sia stato giusto o meno metterle lo smalto sulle unghie, si tratta di una polemica del tutto surreale e mi stupisco dello spazio che a questa notizia è stato dato dai media. Non credo che la vicenda possa essere inserita in una dimensione che abbia a che fare con l’umanità o con aspetti psicologici. La questione come al solito è tutta ideologica”.

Infatti l’ideologia viene ora invocata per motivare il clima che avrebbe dato origine alla fake news sullo smalto. Condivide?

“Ripeto, a me non interessa la questione in sé, che si tratti di fake news o se la donna avesse o meno lo smalto. Parlare di questo significa non voler prendere atto del vero ed unico problema legato a questa situazione. Noi ci troviamo in una fattispecie ben definita, con una parte di umanità che ha capito perfettamente come si muove la civiltà occidentale ed europea. Questa civiltà ha un evidente tallone d’achille che deriva da una deformazione: aver messo la difesa della vita umana come baricentro del proprio essere, ha fatto sì che chiunque si esponga a rischiare la propria vita per ottenere un risultato, finirà con l’ottenerlo sempre e comunque. Così chi accetta di mettersi in mare anche considerando l’ipotesi estrema che possa annegare, una volta giunto in Europa, saprà di poter ottenere ciò che vorrà proprio perché l’essere scampato ad un naufragio finirà per costituire il diritto ad essere accolto e ad avere ciò che chiede. Questo gioco psicologico necessiterà di un chiarimento anche filosofico”.

Quindi ha ragione Salvini a portare avanti la politica della fermezza, senza farsi influenzare dalle polemiche sullo smalto?

“Ma certamente, noi ci troviamo nella stessa situazione di un tizio che entra in una banca con una pistola alla tempia e minaccia di spararsi in testa se non gli verrà azzerato l’intero debito. Dal momento che la difesa della vita prevale sulla morte, cancellare il debito diventerà un atto umanitario. Anche la questione di Josepha rientra in questa logica purtroppo. E’ l’ennesima dimostrazione di un umanitarismo che si è trasformato in una sorta di ricatto estremo di fronte a qualsiasi altra logica. Questo ci dice anche che dietro non c’è affatto una sensibilità umanitaria, ma un disegno ben preciso che utilizza questo gancio psichico e psicologico cui è difficile resistere. Nessuno può accettare che una persona possa morire in mare, ma purtroppo sulla base di questo si arriva a concedere qualsiasi cosa. Ci ritroviamo oggi a discutere di unghie rosse come se fossimo tutti indementiti”.

Infatti, parlare di questo anche secondo lei è un modo per distrarre l’opinione pubblica dal vero problema dell’immigrazione?

“La discussione sulle unghie dimostra che siamo tutti rimbecilliti, perché non ha nessuna importanza sapere quando sono state dipinte. Quella persona non doveva comunque essere in mare, questo è il nodo cruciale. Che ci faceva in mezzo al Mediterraneo? Chi ce l’ha condotta? Perché è scappata dal suo Paese? In questo modo perdiamo di vista il vero problema, ossia l’utilizzo di strategie mediatiche e psicologiche rivolte ad allontanare l’attenzione dell’opinione pubblica sulla vera emergenza. un migrazionismo di massa che sta spostando mezza Africa in Europa. Stiamo tutti a guardare il dito invece che la luna. E’ evidente che c’è in atto uno scontro senza precedenti fra un partito migrazionista sostenuto dalla finanza internazionale e gli Stati nazionali che cercano di resistere”.

C’è chi accusa i media di dare spazio al dramma delle persone, ai corpi senza vita dei migranti per far sentire in colpa le persone, ma nessuno mostra per esempio le immagini dei salvataggi, per vedere come si svolgono realmente e come agiscono le navi delle Ong. Non sarebbe a questo punto utile farlo anche per prevenire il rischio delle fake news?

“Rischiamo di restare tutti ipnotizzati dal dibattito sulle unghie che ci porta fuori dalla realtà. Non dobbiamo farci ingannare ma resistere a queste logiche di distrazione di massa, affrontando l’emergenza di 200 milioni di giovani africani che vogliono venire in Europa distruggendo se stessi, l’Africa e noi. Salvini sta tentando di fermare tutto questo e per tutta risposta si crea il caso delle unghie, o peggio ancora lo si fa sulla base di quella che viene definita una fake news. Una non notizia alla fine finisce per fare molta più notizia del vero dramma, soltanto perché è necessario denigrare chi si oppone al ricatto estremo sopra citato. La gente capisce chiaramente che a nessuno di noi è consentito partire dall’Italia, attraversare l’Adriatico con un pedalò, andare in Croazia e pretendere di restarci con tanto di vitto e alloggio. Capisce bene che la vera fake news sta nel far capire agli altri che arrivati qui possono invece fare e avere tutto ciò che vogliono. Ad essere falso è soprattutto quell’umanitarism o presunto tale, alla base del migrazionismo mondialista e globalista che ci viene imposto”. 

Condividi!

Tagged