Primarie dem, effetto Lega. Il Pd senza idee con Minniti diventa Salvini

Politica

Condividi!

Proprio ieri su Lo Speciale abbiamo parlato della girandola di nomi che sta finalmente rimpolpando le primarie dem, fino a qualche tempo fa depresse e scarse in quanto a partecipazione. Ingrossando le fila di futuri candidati a gestire un partito sceso, dal 40% renziano, all’attuale 17,2%, secondo i recenti sondaggi.

Un partito in cerca d’autore che oggi ha parecchi (forse troppi) autori, gli uni contro gli altri armati. Prima è sceso in campo Zingaretti, col “grande originale progetto” di unire sinistra tosta e moderata, liberali progressisti, società civile, volontariato e cattolici (modello-Lazio). Una minestra riscaldata già nota da decenni: cambiando il numero degli addendi il prodotto non cambia.

Poi, è stata la volta di Richetti e Boccia. Il primo, famoso per essere “il ventriloquo di Renzi, non sempre in linea con Renzi”; il secondo, famoso per godere di una maggiore autonomia e cercare un’interlocuzione anche con i grillini. Ma il loro progetto non si discosta molto da quello del governatore del Lazio.

Poi, è arrivato Calenda, neo-acquisto dem, che si è subito distinto per buttare a mare il partito, nel nome e nel segno di un “fronte repubblicano oltre il Pd”, allargato. A chi? Alla società civile, ai liberali? Se non è zuppa è pan bagnato: un Ulivo2.0, sostanzialmente uguale agli altri tre progetti di “nuova sinistra”. E chi ha candidato Calenda, a guidare questo fronte neo-post-ulivista? Gentiloni, il sosia di Prodi.

E dulcis in fundo, proprio nelle ultime ore c’è stato il manifesto dei sindaci dem (Dario Nardella, Antonio De Caro, Matteo Ricci, Giorgio Gori e Giuseppe Falcomatà), che hanno proposto Marco Minniti, 62 anni, ministro dell’Interno, nel governo guidato da Gentiloni.

“Una candidatura forte – come hanno sostenuto i sindaci – autorevole contro l’incompetenza del governo gialloverde”.

E se Gentiloni sponsorizzato da Calenda è l’imitazione di Prodi, Minniti inesorabilmente è l’imitazione di Salvini (come da sua politica contro l’immigrazione clandestina, ritenuta troppo leghista).

E qualcuno nella sede di Largo del Nazareno è saltato giù dalla sedia: con Minniti a capo dem, il “modello-Riace”, finisce nel macero.

Questa alternanza di figure copiate dal passato o alter-ego degli avversari, dimostra tutta la debolezza attuale e il vuoto valoriale e politico del Pd, non più laburista, non più social-democratico, non più riformista, non più clintoniano, non più liberal-progressista, non più partito della nazione, non più macroniano.

E attenzione alla nemesi politica: se l’obiettivo è resuscitare l’Ulivo, il passato non torna. E se l’obiettivo è copiare la Lega, la gente alle imitazioni preferisce sempre l’originale

Tagged

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.