viagra confezioni da farmacia cialis generico 20 acquisto antidepressivi cambio farmaco astinenza si può prendere viagra se si assume ipoglicemizzante antibiotico nello sperma pillola nome del farmaco antibiotico in tre compresse in scatola viagra generico 100 mg furadantin antibiotico prezzo quando esce il generico del cialis pillola yasmin e antibiotico isocef acquistare il cialis generico da 5mg antibiotico in pastiglie per bambini il viagra generico non fa effetto perchè can you buy cialis online legally pfizer viagra online cost purchase cialis online cheap prendere il viagra da giovane cialis video in italiano youtube viagra online sito sicuro farmaco antidepressivo noradrenalina e dopamina antibiotici naturali in farmacia viagra generico prezzo farmacia viagra 12 compresse 50 mg costo viagra 25 mg prezzo farmacia levitra over 50 quale dosaggio antivirali diretti seconda generazione aifa lasix 25 mg compresse torrinomedica prezzo ricetta per acquistare viagra levitra acquisto miglior sito nuovo trattamento parodontite antibiotico topico costo farmaci antidepressivi compatibili gravidanza farmaco equivale3nte del viagra tetraciclina l antibiotico per acne pastiglie maleron farmaco antidepressivo incinta con la pillola per via dell antibiotico

Manovra. E’ il governo dei cambiamenti: Conte sale i Dioscuri scendono

4 minuti di lettura

Manovra, battute finali. Chi sta vincendo e chi sta perdendo? Al di là della posizione ufficiale della Ue (orientata al compromesso), una cosa è certa: le cene, i famosi incontri del sabato, le telefonate, i summit a Roma per spiegare ai due Dioscuri, le ragioni dei cedimenti o delle “necessarie mediazioni”, hanno sancito il passaggio ormai definito, dal “governo di Salvini e Di Maio” al “governo di Conte e Tria”.

Se prima, fino a un mese fa, lo scollamento nel Paese era tra l’esecutivo, la maggioranza gialloverde, il primo governo populista della storia d’Italia e d’Europa, e l’opposizione, più istituzionale (il Colle, l’Istat, L’Inps), che politica (Pd e Fi ridotti al lumicino), l’opposizione oggi, è intestina alle stesse stanze di Palazzo Chigi.

E il tema ora è duplice: se Di Maio e Salvini, hanno mandato Conte a bruciarsi in Europa, per avere l’alibi di andare al voto, senza la responsabilità di aver fatto saltare il banco, la strategia, prove alla mano, si è ritorta contro chi l’ha pensata e attivata. Conte è cresciuto nella stima e nell’autorevolezza di tutti. Il suo populismo dolce e delicato, si è rivelato l’arma vincente per arrivare a dei risultati concreti (Manovra). Il premier da notaio-passa-carte sta diventando sempre più arbitro e capitano. E i Dioscuri, si stanno rivelando troppo ideologici, conflittuali, al limite, in qualche caso, del dilettantismo.

E secondo aspetto, cosa resta del “governo del cambiamento”, visto che la sua ragione sociale si è trasformata nel “governo dei cambiamenti”?
Cosa resta della Terza Repubblica annunciata dai grillini; della svolta, annunciata da Salvini, del modello alternativo al progressismo, alla sinistra, alle caste, al pensiero e ai governi laicisti, radical e liberal, che hanno preceduto questa nuova esperienza?
Cosa resta del “governo del popolo” e del “popolo al governo”? Del populismo contro la Ue, contro i migranti, contro i ladri e i corrotti?

Il sospetto è che si stia assistendo ad un generale riposizionamento, ridimensionamento delle promesse e illusioni post-4 marzo. La prova provata che il pragmatismo vince sempre sulle idee assolute, specialmente quelle alternative. E’ la chiamata alla maturità del populismo italiano o il segno che contro i poteri forti non c’è nulla da fare?
La Manovra, le sue correzioni, i diktat di Juncker e Moscovici, sono stati la cartina di tornasole di questa incapacità strutturale. Decretando l’apparente vittoria di tutti, ma la vittoria reale dei burocrati di Bruxelles, che non hanno titolo per eterodirigere l’Italia, o dare lezioni economico-finanziarie, visti i risultati nazionali (in Francia e Lussemburgo) delle loro carriere personali di ministri o di eurocrati.
Le prossime elezioni europee riusciranno a stravolgere questa mezza vittoria e mezza sconfitta sia di Roma che di Bruxelles?
Per il momento la comunicazione di Salvini e Di Maio è cambiata. Più conciliante, strategica, moderata. Ma le idee?
Agli occhi dei più attenti sembra una pace armata, in vista di guizzi successivi. Confidiamo nella capacità di recupero di Salvini e Di Maio.

Fabio Torriero

Come giornalista, ho attraversato la comunicazione a 360 gradi (carta stampata, tv, radio, web). Ho lavorato presso Cenacoli, Fondazioni (Fare Futuro), sono stato spin doctor di ministri e leader politici, ho scritto una ventina di libri (politologia, riforme etc.) e i miei direttori storici e maestri sono stati Marcello Veneziani e Vittorio Feltri. Insegno all'Università comunicazione politica. Il giornalismo online è la mia ultima vocazione.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Global Compact per rifugiati, parla Borghi (Lega) e risponde a tutti i dubbi

Articolo successivo

SetUp Contemporary Art Fair 2019 presenta la sua VII edizione

0  0,00