Siri, Salvini non ci sta e insiste: dov’è la prova di consapevolezza? E spunta Giorgetti…

3 minuti di lettura

“Non c’è neanche una prova certa ma chiacchierate telefoniche di terze persone che coinvolgono altre persone e su questo chiedo qualcosa in più”. Parola di Matteo Salvini che non molla e difende il suo collega di partito a spada tratta non indietreggiando. Per lui “chiunque abbia sbagliato personalmente paga a fronte di prove, evidentemente. Altri discorsi riguardano altre discussioni che non hanno prova certa, ma chiacchiere telefoniche di terze persone che coinvolgono un’altra persona”.

Quanto a un’eventuale conta domani in Cdm lo dice chiaro e tondo: “E’ un dibattito che non mi appassiona, parlo di vita vera” dice il vice premier leghista.

Dall’altra parte però, c’è chi non capirà mai perché la Lega in queste settimane abbia continuato a difendere Siri invece di fargli fare un passo indietro. Si chiama Luigi Di Maio, ed è l’altro vice premier, quello pentastellato: “Oggi è  l’ultimo giorno utile perché Salvini comprenda l’importanza di questa vicenda. Mi auguro faccia la cosa giusta”. Lo scrive in un post su Facebook continuando a buttare benzina sul fuoco sulla vicenda del sottosegretario alle Infrastrutture: “Oggi dai giornali – si legge nel post – emergono nuovi particolari sull’inchiesta” di Siri.

“Secondo il Corriere della Sera – scrive – si sarebbe anche rifiutato di rispondere alle domande dei giudici e avrebbe depositato solo una memoria spontanea. I pubblici ministeri lo dicono esplicitamente nell’avviso di garanzia: Siri ‘ha asservito la funzione pubblica a interessi privati’. Di fronte a questo è impossibile restare fermi. Se qualcuno si vuole coprire gli occhi faccia pure, il Movimento 5 Stelle non lo farà. Non lo farà perchè ci sono fin troppe ombre e stranezze in questa storia”.

Insomma per il M5s non rispondere all’interrogatorio dei magistrati è grave e in parte indicativo: “Il Movimento non dice che Siri non debba difendersi, per carità, anzi ci auguriamo che lo faccia e nelle forme che ritiene più opportune. Molto più semplicemente chiediamo che a un politico indagato per corruzione non sia concessa la possibilità di amministrare soldi pubblici. L’Abc del cambiamento, che questo governo ha l’ambizione di portare avanti” ribadisce e chiude il messaggio Di Maio.

E alla fine spunta il sottosegretario Giancarlo Giorgetti a parlare del caso Siri al termine di una conference call al Coni con le federazioni invernali internazionali sulla candidatura di Milano-Cortina ai Giochi Olimpici Invernali del 2026: “L’interesse è che il governo vada avanti”.

“Di Maio dice che se lo facciamo cadere siamo come Mastella con Prodi? Io ho la memoria lunghissima -risponde sorridendo – ma siamo nella terza Repubblica e il passato è il passato”.

Marta Moriconi

La velocità e la capacità di individuare subito la notizia sono le mie qualità. Sono laureata in Giurisprudenza con il massimo di voti ma lascio la pratica forense e i Tribunali ben presto per gettarmi nella mia passione. Inizio la carriera nel monitoraggio radiotelevisivo, passo per gli uffici stampa, arrivo ai giornali online.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Migranti e Sistema Sanitario, Meluzzi: “Ministro Grillo, prevenire non è solo vaccinare”

Articolo successivo

SCRITTURE, 6 voci della drammaturgia italiana al Teatro India

0  0,00