Suicidio assistito, Pro Vita e Famiglia: “L’ultima beffa. Spingeranno i malati a uccidersi”

“La dipendenza da trattamenti di sostegno vitale non significa necessariamente ed esclusivamente dipendenza da una macchina”. Sulla base di questo principio i giudici di Massa Carrara hanno assolto Marco Cappato e Mina Welby nel processo per la morte di Davide Trentini, 53 anni, malato di sclerosi multipla da quanto ne aveva 27, deceduto in una clinica […]

Continua a leggere

Suicidio assistito, assolti Cappato e Welby. Eutanasia giĂ  legale?

Marco Cappato e Mina Welby sono stati assolti dalla Corte d’Assise di Massa Carrara in relazione alla morte di Davide Trentini malato di sclerosi multipla. I due erano accusati di istigazione e di aiuto al suicidio. Cappato per aver sostenuto economicamente, attraverso l’associazione Sostegno Civile, il suicidio assistito di Trentini, la Welby per averlo accompagnato nella […]

Continua a leggere

Suicidio assistito, la Consulta divide politica e web

Suicidio assistito, la Corte Costituzionale ha giudicato non punibile ai sensi dell’articolo 580 del codice penale, a determinate condizioni, “chi agevola l’esecuzione del proposito di suicidio, autonomamente e liberamente formatosi, di un paziente tenuto in vita da trattamenti di sostegno vitale e affetto da una patologia irreversibile, fonte di sofferenze fisiche e psicologiche che egli […]

Continua a leggere

Cappato, M5s deposita la proposta di legge sull’eutanasia. E ora la Lega?

Marco Cappato col caso Dj Fabo è riuscito a portare in Parlamento un argomento spinoso che nessuno avrebbe mai affrontato, divisivo e che attiene alla coscienza personale delle persone. Invece dopo la decisione non decisione della Consulta, la politica è destinata a scontrarsi presto su questo argomento. Ieri mattina è stata depositata in Senato la […]

Continua a leggere

Dj Fabo, fine vita. Dalla Consulta la palla al Parlamento. E la Lega che farĂ ?

Dietro la svolta inedita della Corte Costituzionale c’è una vera debolezza. I giudici “hanno deciso di non decidere”. Questo è il senso del rinvio al prossimo settembre 2019 di un pronunciamento che invece, dovevano dare sulla legittimitĂ  costituzionale dell’articolo 580 della Costituzione che punisce l’aiuto al suicidio. Insomma, hanno rimandato la palla al Parlamento, nella […]

Continua a leggere