Carola Rackete, Meluzzi: “Noi profanati di ciò di più sacro per un loro folle progetto”

“Non volevo speronare la motovedetta ma solo salvare vite” . Così si è giustificata Carola Rackete comandante della nave della Ong Sea Watch 3, che oggi dovrà sostenere l’interrogatorio di garanzia davanti al Giudice per le Indagini preliminari di Agrigento. Rischia una pena fino a dodici anni per aver forzato il posto di blocco della Guardia di […]

Continua a leggere