Il grande giorno di Tria. Verso successo ma con un convitato di pietra

Il dialogo con Bruxelles “diventa sempre più costruttivo”, parola di Giovanni Tria. Eppure non certo perchè l’Europa indietreggi. Anzi. Il ministro dell’Economia, intervenendo in commissione Bilancio alla Camera, dove ieri era in corso l’esame del ddl bilancio ha spiegato “che c’è la disponibilità a esaminare se ci sono margini finanziari, economici e politici per arrivare […]

Continua a leggere

Spread, Tria ci ripensa. Bisogna cambiare, ma non c’è un piano B

Non c’è due senza Tria. Anzi non c’è tre senza Tria. Un giorno, quando magari il governo Conte sarà passato o confermato, gli esperti scriveranno un libro sul ministro dell’Economia. Ormai, nella comunicazione, nelle scelte, nei rapporti istituzionali, rispetto al duo Salvini-Di Maio, viaggia ambiguamente e paciosamente (col suo aspetto da contabile illuminato e timido), […]

Continua a leggere

Tria e la legge di Bilancio. Gli interessi della nazione, cioè della Ue

Gli “interessi della nazione” sono solo gli “interessi della Ue” (il rapporto deficit-pil, imposto dai parametri di Maastricht)? Oppure gli interessi della nazione sono anche gli interessi della nazione e basta? Anche a costo di sforare quel maledetto vincolo e migliorare le condizioni dei cittadini, dalle partite Iva, alle imprese (la flat tax) ai disoccupati […]

Continua a leggere