Fake contro i gilet gialli. Gli insulti erano di sinistra e di matrice islamica

Come si costruisce una fake “progressista”. L’ultima, del resto, di una lunga serie. Si sceglie un episodio ritenuto utile alla propaganda, e subito parte la manipolazione della grancassa mediatica (politici, intellettuali, giornalisti etc), tesa ad demonizzare un leader, un movimento, un partito, un’idea ben precisa. Anche a costo di prendere topiche clamorose, che ovviamente vengono […]

Continua a leggere

Se Di Maio parla con i gilet gialli, Macron parla con Renzi e Fi

Italia vs Francia, Francia vs Italia. Dietro la nuova-antica guerra tra i due cugini-serpenti-coltelli, c’è un’ipocrisia e un’incapacità di capire la realtà attuale europea e non solo. E’ inutile negarlo: i due Stati, i due governi, parlano lingue diverse e assumono comportamenti opposti. La medesima differenza che c’è tra la Rivoluzione francese e Napoleone III. […]

Continua a leggere

Gilet gialli. Dietro la frase di Di Maio la sua strategia di destra per le europee

Cosa c’è dietro la frase incriminata (“non mollate”) di Di Maio a proposito dei gilet gialli? Tutta la casta liberal e radical e l’opposizione italiana si sono impegnate nella solita campagna ideologica pregiudiziale e molto limitata. Hanno evidenziato la mancanza di cultura di governo e senso delle istituzioni del ministro, per essere entrato a gamba […]

Continua a leggere

Di Maio con i gilet gialli: non mollate. E la rete con chi sta? Tra satira e polemica

Luigi Di Maio, vice premier italiano, ha sconvolto la cosiddetta casta istituzionale dichiarando il suo sostegno ai gilet gialli che “assediano” la Francia di Macron e così ha scritto sui suoi profili social: “In Francia, come in Italia, la politica è diventata sorda alle esigenze dei cittadini, tenuti fuori dalle decisioni più importanti che riguardano […]

Continua a leggere

Gilet gialli 2.0 e gialloverdi italiani: il salto culturale e il no alle unioni gay

Referendum popolari, maggiore partecipazione dei cittadini alla vita pubblica, eliminazione degli aumenti di qualsiasi tipo (carburante e non solo), più progressività nelle imposte sul reddito, vale a dire più scaglioni; salario minimo francese a 1.300 euro netti. Nessuna prelievo alla fonte. E ancora: promuovere le piccole imprese nei villaggi e nei centri urbani. Fermare la […]

Continua a leggere